ODIO

 Newstecnologiedirittiviolenza

L'Italia che odia le donne online




Esiste una correlazione tra le manifestazioni di odio online verso le donne e il tentativo di indebolire democrazia e diritti civili. È quanto emerge dal rapporto Armi di reazione e odio dedicato a disinformazione di genere, misoginia e abusi online contro le donne in politica in Italia e realizzato nell’ambito della ricerca Monetizing Misogyny di She Persisted, iniziativa internazionale nata negli Stati Uniti per contrastare la disinformazione di genere e gli attacchi online contro le donne in politica.

Frutto della collaborazione tra She Persisted e l’Università LUISS Guido Carli di Roma, lo studio sull’Italia è basato sull’analisi dei dati raccolti dalle principali piattaforme social (Instagram, Facebook, Twitter, YouTube) tra gennaio e marzo 2022.

Le autrici, Lucina Di Meco, esperta di uguaglianza di genere, riconosciuta da Apolitical come una delle 100 persone più influenti in materia di politiche di generee Nicoletta Apolito, media analyst ed esperta di comunicazione digitale per il Centro studi interculturali dell’Università di Verona, si sono avvalse della collaborazione di esperte nell’ambito dell’informazione e degli studi di genere, nonché delle testimonianze di politiche italiane in prima linea sul fronte dei diritti delle donne come Alessandra Moretti, Laura Boldrini, Maria Elena Boschi, Monica Cirinnà e Valeria Fedeli, negli ultimi anni sono state bersaglio di tentativi di diffamazione e odio online.

Il racconto delle loro esperienze mostra come la cyberviolenza contro le donne in politica abbia diverse declinazioni: dagli attacchi misogini e sessisti a quelli miranti a screditare la competenza professionale, fino ad arrivare alla diffusione di immagini e notizie false volte a danneggiare l’immagine pubblica. Il rischio maggiore rappresentato da questa tipologia di violenza, secondo la deputata Maria Elena Boschi, è quello di creare una distanza tra la politica e le giovani generazioni, dissuadendole dal prendervi parte attiva. 

Il dato interessante che emerge dal report, secondo quanto dichiarato da Elena Musi, docente presso il Dipartimento di Comunicazione e Media dell'Università di Liverpool, è il fatto che "gli utenti più attivi nel denigrare attraverso risposte tossiche a post ufficiali sono anche diffusori di pensiero cospiratorio". In altre parole, chi diffonde contenuti di odio online contro le donne si fa anche portavoce di istanze antidemocratiche.

In Italia, questo aspetto si è reso particolarmente evidente a partire dallo scoppio del conflitto russo-ucraino, quando sono aumentati in maniera esponenziale i contenuti filoputiniani volti non solo a diffondere informazioni false riguardanti la guerra stessa, ma anche a screditare alcuni dei valori fondativi delle democrazie moderne come l’uguaglianza di genere e il diritto all’aborto.

A fronte della pervasività della disinformazione e degli attacchi d’odio circolanti sui social, il rapporto evidenzia come i tentativi fatti finora per arginare questi fenomeni dal punto di vista legislativo non siano stati sufficienti. Secondo Valeria Fedeli, occorre "responsabilizzare le piattaforme", che si rendono altrimenti complici della diffusione di questo tipo di contenuti, applicando sanzioni economiche e istituendo una normativa contro la violenza online.

C’è però, secondo Monica Cirinnà, anche un dato confortante, relativo all’aumento, negli ultimi anni, tanto della rete di solidarietà che si crea intorno alle donne vittime di campagne di odio online quanto del coraggio di denunciare. "Non sentirsi sole", sottolinea, "è determinante".

Considerando anche la diffusione delle ideologie antidemocratiche e misogine in Europa, il microcosmo descritto nello studio di Di Meco e Apolito mette in luce quanto sia stringente la necessità di fare ricerca e vigilare sulle dinamiche in atto sulle piattaforme online, al fine di tutelare la salute delle nostre democrazie e dei loro valori, da più parti sotto attacco.

Leggi tutto il rapporto

Leggi anche 

Violenza digitale, il dossier a cura di inGenere

Guerra alle donne, il dossier a cura di inGenere


--------------------------------------------------------------


PUBBLICITA'


SONO UNA DONNA CHE SCRIVE STORIE DI DONNE

Durante tutta la vita mi sono impegnata nella società per i diritti delle donne e, nel 2021, in occasione della Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne, il 25 di novembre, avevo voluto che uscisse il libro “Che te ne fai di un’altra femmina?”, una raccolta di storie di donne occidentali e orientali che amano eppure subiscono violenza. In uno dei racconti, avevo persino immaginato un altro Pianeta dove, però, si perpetuava la stessa mentalità terrestre: la donna è un oggetto e come tale può essere distrutta. (qui si può leggere l’estratto:

 CHE TE NE FAI DI UN'ALTRA FEMMINA?: storie di donne del mondo orientale e occidentale con una puntata su un nuovo Pianeta (RACCONTI DI DONNE) eBook : RUSCA ZARGAR, RENATA: Amazon.it: Kindle Store)

Per l’8 marzo 2022, ho, inoltre, pubblicato “Storia della strega di Savona e altri racconti di violenza”, testo che, come il precedente, fa parte della collana “Racconti di donne”.   

LEGGI L'ESTRATTO: https://www.amazon.it/STORIA-DELLA-STREGA-SAVONA-racconti-ebook/dp/B09TWT76SL?asin=B09TWT76SL&revisionId=d91d1211&format=1&depth=1

In occasione del 25 novembre 2022, è uscito "VOGLIO IL TUO UTERO" sulla maternità surrogata (qualcuno cioè che fa un figlio per altri), un soggetto di cui si parla poco per non dar fastidio a nessuno. Nessuno ha il coraggio di dire che far figliare una donna come una mucca è una mostruosità.  

LEGGI L'ESTRATTO: https://www.amazon.it/gp/product/B0BMGWRKKP?notRedirectToSDP=1&ref_=dbs_mng_calw_2&storeType=ebooks&asin=B0BMGWRKKP&revisionId=be36a2df&format=1&depth=1


MA HO STUDIATO E SCRITTO ANCHE QUESTO:




Fin dai tempi più antichi, l'uomo ha cercato di sfruttare le vibrazioni dei numeri (del proprio nome, della data di nascita, dei periodi della vita ecc.) per vivere meglio e gestire a proprio vantaggio le energie presenti nell'Universo. Con questo semplice Manuale il lettore potrà fare tutto da solo: cambiare il proprio nome in numeri, comprendere il proprio numero del destino come pure i diversi periodi della vita. Così, potrà conoscere meglio sé stesso e agire sempre in modo favorevole ai propri interessi e sentimenti. Potrà capire se il partner sia quello giusto come pure gli amici, i colleghi ecc. Soprattutto imparerà a muoversi nei momenti più opportuni per avere successo nella vita. Potrà fare la cosa giusta al momento giusto e trovarsi nel posto giusto con la persona più adatta. La Numerologia non prevede nulla ma ci aiuta ad affermarci e ad avere fortuna nella vita.
COPERTINA A CURA DI ZARINA ZARGAR


EBOOK:

I NUMERI DEL DESTINO E DELL'AMORE: Guida semplice e pratica per sapere tutto sui propri numeri fortunati (Esoterismo) eBook : Rusca Zargar, Renata: Amazon.it: Libri


CARTACEO:

I NUMERI DEL DESTINO E DELL'AMORE: Guida semplice e pratica per sapere tutto sui propri numeri fortunati : Rusca Zargar, Renata: Amazon.it: Libri


Commenti

Post popolari in questo blog

GENOCIDIO

UNA STIMATA FAMIGLIA DI NEGAZIONISTI di Renata Rusca Zargar

SAVONA NEL CUORE DELL'AFRICA