GUERRA, FEMMINICIDIO, GENOCIDIO

 


Tomaso Montanari: “Pensano di risolvere il problema eliminando alla radice il popolo palestinese?"

Tomaso Montanari sulla guerra a Gaza e le azioni di Israele sulla popolazione civile: “È legittimo chiedersi se a Gaza sia in atto qualcosa che è spinto da intenzioni genocidarie, se qualcuno dentro il governo israeliano stia pensando di risolvere il problema eliminando alla radice il popolo palestinese. Bisogna farsi questa domanda perché non succeda”.

http://www.memoriacondivisa.it/index.php?option=com_content&view=article&id=8437&Itemid=57


Montanari: la guerra e l'idea dei maschi di poter dominare i corpi delle donne sono legati

"C'è la stessa pulsione di morte" e "la stessa idea di essere padroni delle vite".

"Ciò di cui parlamo quando discutiamo della guerra ha molto a che fare con ciò che diciamo quando, invece, parliamo delle uccisione delle donne da parte dei maschi". Lo ha detto Tomaso Montanari, rettore dell'Università per stranieri di Siena, ospite di In Onda su La7. "Ci diciamo continuamente che l'Occidente ha dei valori e una parte dei commentatori occidentali dicono che grazie a questa civiltà noi avremmo il diritto di un dominio, di un possesso, di un indirizzo, come se fossimo i registi buoni del mondo". Addirittura "si legge nei giornali occidentali che per farlo potremmo usare anche la violenza, che è legittima".

Questa idea di un dominio è quella che, per Montanari, "disegna un dominio ulteriore: quello dei maschi sui corpi delle donne". E in questa idea di possesso "non è separata dalla guerra", perché "c'è la stessa pulsione di morte" e "c'è la stessa idea di essere padroni delle vite". Per Montanari la nostra società "produce un'immagine orribile del rapporto fra maschi e femmine: siamo ancora in quello che Bourdieu chiamava 'dominio maschile', siamo in pieno dominio maschile". E con la guerra in Ucraina, secondo il rettore, è emerso "questo amore per la guerra che siamo riusciti a esprimere in una società governata da maschi anziani".

Nella scuola gli insegnanti di sostegno andrebbero formati per spiegare i valori della vita, i femminicidi sono la conseguenza di un disagio esistenziale, gli insegnanti di sostegno potrebbero fare da filtro agli specialisti del settore. Siamo in piena emergenza, salviamo le donne da chi invece di proteggerle le uccide con ferocia, infierendo sul corpo martoriato.

 

Scritto da Tomaso Montanari e Mario Arpaia   



 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


Lettera 2/Nel 1947 gli Ebrei possedevano il 6% della Palestina, ora controllano il 90%. Accusa di crimini di guerra contro Putin e nulla contro Netanyahu. 11000 morti, 4 mila bambini, 40 giornalisti uccisi






https://trucioli.it/2023/11/16/lettera-2-nel-1947-gli-ebrei-possedevano-il-6-della-palestina-ora-controllano-il-90-accusa-di-crimini-di-guerra-contro-putin-e-nulla-contro-netanyahu-11000-morti-4-mila-bambini-40-giornalisti-ucc/

16 novembre 2023

Spett. Trucioli.it, 
la prosecuzione senza umanità dei bombardamenti di Gaza mi spinge ad alcune considerazioni.

1) Nella Striscia di Gaza, sotto occupazione dal punto di vista del diritto internazionale non c’é una guerra, ma la resistenza popolare contro l’esercito di uno Stato occupante, responsabile da almeno 56 anni di occupazione, insediamento coloniale, apartheid, tutto illegale e criminale secondo le leggi internazionali ed i Rapporti dell’Onu.
2) Chi conosce la storia sa che fin dal 1997, quando Theodor Herzl lanciò il progetto sionista di uno Stato ebraico in Palestina, tale progetto prevedeva uno Stato etnicamente ebraico dal Giordano al Mediterraneo, considerando gli Arabi palestinesi indigeni non come popolo, ma come migranti che avrebbero potuto andarsene nei Paesi  arabi vicini. Non c’é mai stata, contrariamente a quanto si dice,  da parte di Rabin, di BarakOlmert e ancora meno di Sharon e Netanyahu,  la proposta di uno Stato palestinese, nei confini del 1967, con Gerusalemme-Est capitale e con l’accettazione del diritto al ritorno dei profughi palestinesi, riconosciuto dal diritto internazionale. Gli Accordi di Oslo del 1993 frammentarono il territorio palestinese, incrementando a dismisura quella colonizzazione della Cisgiordania che oggi impedisce l’opzione dei due Stati, una formula vuota che serve solo a prolungare l’occupazione e la colonizzazione. Si rispettino i diritti dei Palestinesi e il diritto internazionale
3) Il governo criminale e fascista di Netanyahu e coloni, con la legge dello Stato nazione approvata alla Knesset nel 2018, cerca di realizzare il progetto sionista dello Stato ebraico, privando i cittadini arabi di Israele della  nazionalità, dando via libera alla colonizzazione dei territori palestinesi ed approfittando dell’attacco palestinese del 7 ottobre, che certamente per Israele non costituisce un pericolo considerata la sproporzione delle forze in campo, per fare una pulizia etnica nella Striscia di Gaza.
4) Colpisce la criminalità e disumanità dell’esercito israeliano che bombarda tutto, case, ospedali, moschee, ambulanze, scuole, strutture dell’Onu, con  oltre 11000 morti, quasi tutti civili, fra i quali la cifra spaventosa di più di 4000 bambini. Gaza ed i suoi abitanti vengono cancellati. I Palestinesi non vedono negli ebrei che occupano i loro territori, fin dal 1948, le vittime della Shoah ma coloni che li cacciano dalle loro terre. Nel 1947 gli Ebrei possedevano il 6% della Palestina, oggi controllano il 90%.
E’ preoccupante, e a mio parere segno di razzismo nei  confronti dei Palestinesi, il fatto che gli Ebrei israeliani e le Comunità ebraiche che sostengono la politica di Israele, si preoccupino solo dei morti ebrei dell’attacco palestinese, che é solo un episodio della lotta di liberazione, non vedano la mostruosità di ciò che fa l’esercito israeliano e non chiedano le dimissioni del governo Netanyahu, l’arresto dei bombardamenti e trattative. Si rendono conto che le immagini della distruzione di Gaza vengono viste in tutto il mondo arabo e musulmano e quali sentimenti possano scatenare? Il principale pericolo per Israele e la diaspora ebraica è il comportamento dei governi di Israele.
5)  II governo Netanyahu a Gaza ed in Cisgiordania sta compiendo crimini di guerra e contro l’umanità, pulizia etnica e portando avanti un genocidio, impunemente, sotto gli occhi del mondo occidentale, dei governi occidentali e dell’informazione, che sono corresponsabili di questi crimini. Li vediamo i balletti di Macron, di Borrel, di Biden, della diplomazia europea che, con grande ipocrisia, sembrano preoccuparsi delle stragi mentre costantemente attestano il loro sostegno ad Israele con lo slogan ”Israele ha diritto a difendersi“, ed i Palestinesi non hanno il diritto di difendersi, non hanno diritto alla libertà ed alla sicurezza ? Perché c’é un’accusa di crimini di guerra contro Putin e nulla contro Netanyahu che sta compiendo crimini assai più gravi?
I governi occidentali sono corresponsabili perché non hanno mai fatto rispettare il diritto internazionale ad Israele, decine e decine di Risoluzioni Onu ed anche la sentenza della Corte Internazionale di  Giustizia sul Muro, non attuate. L’informazione occidentale é corresponsabile perché diffonde la propaganda di Israele che ha ucciso quasi 40 giornalisti palestinesi. Un’inchiesta del giornalista Max Blumental ha chiarito che non esistono i bambini decapitati, né gli stupri, mentre molti ebrei sono stati uccisi dal fuoco amico.  L’arroganza e l’impunità senza limiti di Israele, arriva al punto di insultare il Segretario dell’Onu, Guterres, e la stessa Onu. E’ evidente il fallimento dell’Onu.
6) L’antisemitismo é in aumento ma la marcia di Parigi é stata il massimo dell’ipocrisia. L’antisemitismo aumenta per il comportamento del governo Netanyahu e di quelle Comunità ebraiche che lo sostengono. Perché l’UE non ferma Netanyahu ?
Perché non si mette in discussione il progetto sionista di uno Stato ebraico ed il razzismo anti-arabo ed anti-palestinese ?

Cordiali saluti, Ireo Bono– Savona



NOTA DI TRUCIOLI- Cosa si legge …

https://trucioli.it/2023/11/16/lettera-2-nel-1947-gli-ebrei-possedevano-il-6-della-palestina-ora-controllano-il-90-accusa-di-crimini-di-guerra-contro-putin-e-nulla-contro-netanyahu-11000-morti-4-mila-bambini-40-giornalisti-ucc/

https://trucioli.it/

Commenti

Post popolari in questo blog

UNA STIMATA FAMIGLIA DI NEGAZIONISTI di Renata Rusca Zargar

SAVONA NEL CUORE DELL'AFRICA

GENOCIDIO