La grande armée européenne di James Hansen

 


La Grande Armée Européenne - È probabile—per quanto pochi vorranno ammetterlo—che la scomposta reazione dei paesi membri dell’Ue all’invasione russa dell’Ucraina abbia almeno per ora posto una pietra tombale sulle ambizioni militari dell’Unione. Il problema non è mai stato tanto quello della ‘mera’ potenza marziale, quanto la palesata impossibilità dei vertici di Bruxelles a raggiungere decisioni strategiche unitarie su come impiegarla.

Il sogno Ue di ‘contare’ dal punto di vista militare è antico. Già all’inizio degli anni ‘70 del secolo scorso girava tra i corrispondenti stranieri a Bruxelles una ‘chiacchiera’ sulla scoperta nelle cantine del palazzo Berlaymont—la sede della Commissione Europea—di batterie missilistiche contraeree tenute prudentemente da parte dall’allora capo della sicurezza dell’organizzazione, un ufficiale militare belga in congedo che sarebbe stato poi prudentemente rimosso dall’incarico…

Quello che è certo è che il sogno di gloria militare Ue è stato negli anni alimentato perlopiù dai francesi, agendo con il sostegno tutto sommato tiepido dei tedeschi. Il limitato entusiasmo tedesco per il progetto è dipeso probabilmente dal fatto che la Germania non è più una primaria potenza militare e pertanto avrebbe contato relativamente poco nella prospettata Grande Armée Européenne”.

Per forza d’abitudine storica c’è la tendenza a presumere che i tedeschi ‘contino qualcosa’ in fatto di guerre. L'Establishment militare del Paese è invece sostanzialmente più piccolo e più debole di quello italiano.

Per prudenza politica—e forse memore di ‘come andò l’ultima volta’—l’Italia evita di riconoscersi una potenza militare di prim’ordine, almeno su scala europea. Oltre all’esercito più numeroso dell’Ue, il Belpaese ha anche la marina militare  più grande. Il Global Firepower Index, un registro relativo alla potenza militare dei paesi del mondo, pone l’Italia al secondo posto nell’Unione dopo la Francia—che si piazza davanti solo perché possiede un “deterrente nucleare indipendente”.

Viene da chiedersi, vista la manifesta incapacità di gestire la forza militare ‘europea’ che si vorrebbe creare, perché le strutture centrali dell’Unione ci tengano così tanto ad avere il proprio esercito. Forse la colpa è di Henry Kissinger e della sua famosa battuta secondo cui, nel caso dovesse telefonare all’Unione Europea, non saprebbe chi farsi passare all'altro capo… Per dire, l’Ue ha il problema di non riuscire farsi prendere sul serio—e i paesi ‘seri’ hanno potenti eserciti…

____

da Nota Diplomatica

di James Hansen

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------



IN EVIDENZA (pubblicità)


Questo libro è dedicato a tutti quelli che desiderano imparare a pescare con la canna fissa e ottenere qualche buon risultato. Le mie ricette e i miei segreti, come le esche e la pastura artigianale economica infallibile, ad esempio, sono utili anche a chi non è principiante ma vuole migliorare e raggiungere un pescato soddisfacente. Io ho un’esperienza più che quarantennale di tutti i tipi di pesca sportiva, seguo le ultime novità, leggo, sperimento. Per questo posso dare molti suggerimenti e informazioni. Nel testo, tratto quindi di lenze, galleggianti, tarature e concludo con i nodi. Cioè, con tutto quello che serve sapere per pescare con la canna fissa. La canna fissa è la base di tutto, chi si approccia alla pesca utilizzando la fissa anzitutto incomincia a farsi esperienza con un'attrezzatura più contenuta e, senza spendere molto, inizia a capire cosa gli potrebbe interessare per il futuro, ovvero magari di approfondire qualche altra tecnica. Diciamo che è la scuola base, anche a livello manuale il fatto di saper gestire canne di 7/9 metri, rende più facile l'approccio con altre tecniche come, ad esempio, la bolognese che molto le assomiglia. Il fatto di saper gestire un pesce solo con l'ausilio di una canna senza l'uso di un mulinello che con la frizione ammortizza le fughe, la dice lunga! Insomma, è la base di tutte le pesche.
Ho inserito, poi, un'appendice che riguarda
 un'antica pesca tradizionale caprese delle occhiate. Le pagine, infine, sono arricchite da foto di sorprendenti pescate. Mi potete trovare su YouTube e sul blog SenzaFine. Ma soprattutto mi potete trovare a pescare dove spero di incontrare tutti voi. Vi farò la dedica personale sul libro.


------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Per parlare e conoscere un altro punto di vista:

IL SITO:

Zarina Zargar Psicologa


Dott.ssa Zarina Zargar Psicologa (@zarina_zargar_psicologa) • Foto e video di Instagram


(10) Dott.ssa Zarina Zargar - Psicologa | Facebook

PERCHÉ SERVE ANDARE DALLO PSICOLOGO? della dott.ssa Zarina Zargar (senzafine.info)

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Per sorridere:

 
 

Commenti

Post popolari in questo blog

PIU' DONNE CHE UOMINI IN INDIA da Il Post

MORIRE PER LA NATO PUBBLICATO IN SPAGNA

COSE DA DIRE A UNA FIGLIA CHE E' DIVENTATA GRANDE di Chiara Macina