Post

Visualizzazione dei post da 2020

QUALCUNO È USCITO VIVO DAGLI ANNI OTTANTA, recensione di Vincenzo Trama dalla rivista IL FOGLIO LETTERARIO

Immagine
IL FOGLIO LETTERARIOLa rivista de IL FOGLIO LETTERARIO EDIZIONI dal 1999
www.ilfoglioletterario.itNumero 17 - Settembre 2020Il Foglio Letterario ANNO 21 – Numero 17 (NUOVA SERIE) Settembre 2020VENT’ ANNI (+1!!!) DI EDITORIA INDIPENDENTEIL Foglio Letterario dal 1999 – Editore in Piombino dal 2003LA RIVISTA è al link   http://www.ilfoglioletterario.it/2020/09/INDICEEDITORIALE Vincenzo Trama:Gordiano Lupi LETTERATURA E CULTURA: DAVVERO NE HAI PAURA? Giorgio Caproni, poetadi Livorno e GenovaGordiano Lupi La scuola, trincea di libertàPatrizia Raveggi Pianeta Est: Mille scuole per il millennioLuca Palmarini Ma che velocità!Vincenzo Trama Parziali ritratti d’autore: Gianfranco FranchiAntonio Messina SULL’EDITORIA E ALTRE COSE (IN)UTILI Brandelli di uno scrittore precario: Lo stato dell’editoria. La tradizione che (r)esiste, Amazon e tutto il resto  Mirko Tondi Storiacce editoriali: Se sia meglio pubblicare che saper scrivereSergio Calzone Il lavoro editoriale: intervista a Le Commari Edizioni

REDDITO DI CITTADINANZA, uno studio di Samina Zargar

Immagine
“-Maestro, vorrei sapere come vivono i pesci nel mare.-
-Come gli uomini sulla terra: i grandi si mangiano quelli piccoli.-” (Shakespeare)
È davvero così? I più deboli vengono sfruttati e abbandonati al loro destino?
Hanno gli ordinamenti posto in essere degli strumenti a tutela dell’individuo?
Le sfide del futuro dell’uomo non sono solo la scoperta della vita su altri pianeti dell’universo o la realizzazione di cloni umani o robot, la più grande sfida resta la lotta alla povertà.
Vivere una vita libera e dignitosa per molti è ancora un’utopia.
Reddito di cittadinanza: è la via breve per la felicità umana?
Inizia così, sul sito di Amazon, la sinossi dell’ebook pubblicato da Samina Zargar (https://www.amazon.it/REDDITO-CITTADINANZA-Ecuador-modelli-confronto-ebook/dp/B08HY3WLFF/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=reddito+di+cittadinanza+Samina+Zargar&qid=1600095313&s=books&sr=1-1) nell’ambito di un Progetto per la Settimana Internazionale…

L'ABITARE BIOREGIONALE IN UN CONTESTO URBANO di Paolo D'Arpini

Immagine
Essendo vissuto per moltissimi anni in un contesto urbano (sono nato e vissuto a Roma ed ho anche abitato per diversi anni a Verona), ed avendo anche tentato un esperimento di ri-abitazione di un piccolo borgo abbandonato, Calcata, con conseguente tentativo di ricostituire o -perlomeno- avviare un processo di comunità ideale (non so con quale successo…), posso affermare che massimamente il mio procedere “bioregionale” si è svolto in un ambito sociale “cittadino”. Ma attenzione, essere un cittadino non significa abitare in città bensì vuol dire riconoscersi in un “organismo" comunitario  umano.
Dal 2010 mi sono trasferito in una cittadina delle Marche, Treia, e questo è un successivo passo avanti verso la mia ricerca di una sistemazione sociologica ideale…. Infatti Roma è abitata da 6 milioni di persone, è insomma una metropoli, Verona conta quasi mezzo milione di abitanti, Calcata meno di mille… Mentre Treia arriva quasi a diecimila. Insomma sto cercando una giusta via di mezzo, a…

Alimentazione bioregionale per una sopravvivenza naturale (senza arrecar danni alla natura) di Paolo D'Arpini

Immagine
Nel  costante tentativo di portare avanti la mia pratica bioregionale nel luogo in cui attualmente vivo, cioè  a Treia,   ogni giorno compio qualche rito utile all'immersione nel luogo.  Ora, con l'avvento  dell'autunno,  passeggio sotto le mura a raccatar pigne ed arbusti per l'inverno, ripulire  i sentieri dalle immondizie (sempre più invadenti), raccogliere qualche erba commestibile, qualche fico, qualche giuggiola e qualche meletta selvatica. Tutto ciò lo faccio per restare in sintonia con il messaggio bioregionale del vivere in sintonia con il luogo in cui ci si trova. Cercando di apprendere  quel che il luogo può offrirci per la nostra sopravvivenza. E così cerco, nei limiti del possibile,  di praticare  questa arte del vivere naturale,  precisando che i miei veri maestri nel campo del reperimento del cibo quotidiano e dell'immersione nella natura  non furono i "bioregionalisti" americani, quelli che  si   inventaron  il termine  "bioregione&qu…

Fiocchi di cotone, burro di karité e quel Centrafrica che non si arrende

Immagine
Notiziario dal Carmel di Bangui n° 28, 7 Settembre 2020Arrendersi in Centrafrica è abbastanza facile. Capita anche ai più ostinati. Ma c’è un piccolo esercito di uomini e donne, centrafricani di nascita o d’adozione, che si rifiutano di gettare la spugna e che, senza far troppo parlare di sé, combattono per un Centrafrica migliore. Un Centrafrica diverso da quello raccontato dalle cronache di questi sessant’anni d’indipendenza da poco compiuti. Ogni viaggio, sempre in compagnia dei miei giovani seminaristi, è sempre l’occasione per incontrare alcuni di questi inconsapevoli eroi. Vorrei farveli conoscere.Nel mese di febbraio siamo stati a Bossangoa, un’importante città nel nord del Centrafrica, dove ci accoglie abbé Brice, un giovane sacerdote diocesano. Quando in Centrafrica c’è un colpo di stato – e in questi sessant’anni non sono certo mancati –  Bossangoa è la prima città a subire distruzioni e saccheggi. E ogni volta Abbé Brice e i suoi confratelli non si arrendono e raccolgono la…

Intervista allo scrittore Giovanni Margarone di Francesca Ghezzani

Immagine
Lo scrittore Giovanni Margarone combatte il pregiudizio e promuove la multiculturalitàDi Francesca Ghezzani Lo scrittore Giovanni Margarone, classe 1965, è un grande amante della cultura in ogni sua forma e un assiduo lettore, cultore di filosofia e musica. La scrittura e l’arte delle Muse, come l’avrebbero chiamata gli antichi Greci, in particolare, sono state sin da quando era ragazzo le sue vocazioni naturali.Oggi Margarone è reduce da numerosi riconoscimenti ottenuti a livello nazionale con le sue opere “Note fragili”, “Le ombre delle verità svelate” e “E ascoltai solo me stesso” pubblicata in seconda edizione dalla casa editrice Kimerik.Giovanni, in quest’ultima opera affronti il tema del pregiudizio. Perché hai sentito l’esigenza di dare voce a un atteggiamento così dilagante e delicato?Uno scrittore, a mio avviso, ha il dovere morale di esprimere il proprio pensiero anche tra le righe di un romanzo. Come ho detto altre volte, scrivere è comunicare e sebbene spesso le storie che…