ILARIA SALIS

 IL RACCONTO

"Ecco chi è mia figlia Ilaria e che cosa farà in Europa": Roberto Salis si racconta e si commuove

Sabato pomeriggio Roberto Salis è stato ospite a Monza di un incontro politico organizzato da LabMonza


https://www.milanotoday.it/politica/roberto-salis-labmonza.html


"Se mia figlia verrà eletta, come lei stessa ha dichiarato a Repubblica, si occuperà dei diritti umani nelle carceri, del diritto all’istruzione, dei diritti dei lavoratori e dei precari e si batterà contro le intolleranze. Tutti argomenti che secondo la destra sono il nulla cosmico”. È stato un intervento diretto quello di Roberto Salis che nel pomeriggio di sabato 1 giugno è stato ospite al Binario 7 di Monza all’incontro organizzato da LabMonza per sostenere la candidatura elettorale della figlia e dell’assessore monzese Arianna Bettin entrambe candidate per Alleanza Verdi Sinistra.

Salis, visibilmente commosso, è stato un fiume in piena raccontando la vicenda della figlia cresciuta a Monza dove in molti la conoscono, e detenuta dal febbraio 2023 a Budapest con l’accusa, sempre rigettata, di aver partecipato all’aggressione di 2 ragazzi neonazisti durante la Giornata dell’Onore che si svolge nella capitale ungherese. Dopo 15 mesi di detenzione in carcere, da pochi giorni Ilaria Salis è agli arresti domiciliari, sempre in Ungheria. Il padre Roberto ieri non ha avuto parole tenere con il governo e con una parte della stampa italiana. “Il 24 aprile ero a Strasburgo per portare la vicenda di mia figlia all’attenzione del Parlamento europeo - ha raccontato -. In quella giornata è stata votata una risoluzione contro l’Ungheria, per la violazione dei diritti umani. A votare contro sono stati la Lega e Fratelli d’Italia”. 

“Ilaria per alcuni è diventata famosa per essere quella che va in giro con i manganelli - prosegue -. Ma in realtà il manganello e il martello rinvenuti a Budapest nel taxi dove Ilaria si trovava quando è stata arrestata non presentavano le tracce genetiche di mia figlia, né delle vittime, né degli altri arrestati. Peraltro al processo una delle persone aggredite e i testimoni hanno ribadito di non aver visto in volto gli aggressori. In Italia con questi presupposti il processo non ci sarebbe neanche stato”. 

Roberto Salis ha ricordato i trascorsi di Ilaria, le denunce e le condanne. “Una per concorso morale in resistenza a pubblico ufficiale e l’altra per uso di materiale esplosivo e infiammabile - ha proseguito -. Il fatto è accaduto una sera quando Ilaria è andata con un gruppo di amici davanti al carcere dove era detenuto un compagno e ha lanciato i fuochi d’artificio per il suo compleanno. Un po’ come quando i pusher qui a Monza avvisano dell’arrivo della droga... Chi non spara i fuochi per una festa o a Capodanno?”. 

Roberto Salis ha poi raccontato degli incontri fatti in questi mesi di detenzione di Ilaria e del suo incessante impegno durante la campagna elettorale che lo ha visto sempre più spesso entrare anche nei centri sociali. “Basta colpevolizzare i ragazzi che contestano contro il non rispetto dei diritti - ha proseguito -. Ilaria ha compiuto un miracolo: è riuscita a far votare gli anarchici, persone che non votano perché non credono nel sistema. Adesso possono dire di andare a votare perché c’è una compagna in difficoltà”


https://www.milanotoday.it/


-----------------------------------------------------------------------------------


Pubblicità


Ho creato una COLLANA RACCONTI DI DONNE, cioè Racconti scritti da una donna (io) in cui le protagoniste sono Donne.

Il primo libro, uscito in concomitanza con il 25 novembre 2021, è:

CHE TE NE FAI DI UN'ALTRA FEMMINA? storie di donne del mondo orientale e occidentale con una puntata su un nuovo Pianeta (RACCONTI DI DONNE)


Commenti

Post popolari in questo blog

RIGASSIFICATORE

IL MESSAGGIO DI ILARIA SALIS

IL PIANETA DELLE FIABE