PESCA DEL TOTANO DA TERRA da Enrico il Pescatore

PESCA DEL TOTANO DA TERRA

ESPERIENZA UNICA! 

(La foto si riferisce a una pesca precedente all'epidemia di Covid-19)

 Facciamo questo tipo di pesca lanciando una totanara e poi recuperandola. È ovvio che più la totanara è pesante raggiungeremo una distanza maggiore e più è leggera, quindi, la lanceremo più vicino.
Consideriamo che la totanara più pesante che viene lanciata più lontana, però, in acqua, scenderà più velocemente: ci offre il vantaggio di sondare una distanza notevole ma, in pesca, tenderà a guadagnare rapidamente il fondo.
La totanara leggera arriverà molto meno lontana ma avrà una discesa in acqua più lenta.
Detto questo e praticando questo tipo di pesca che faremo su scogliere medio alte, ho notato che il totano caccia su vari strati di acqua a seconda di dove in quel momento si aggira la sua preda: può essere a filo di acqua, a mezz'acqua, a volte lo trovo sul fondo. I casi sono infiniti, ne andiamo a vedere uno...
Quando c'è una mangianza superficiale o, comunque, in prossimità della superficie, la soluzione è facile: basta usare una totanara leggera, scenderà lentamente starà in pesca più a lungo nella fascia di acqua che ci interessa.
Benissimo, però, abbiamo un problema: la potremo lanciare  solo vicino, sonderemo una distanza di acqua minore.
E se i totani magari fossero più lontani e la mangianza fosse superficiale?
Proviamo a realizzare una totanara pesante da poterla lanciare lontano che però scenderà lentamente e potrà essere recuperata sempre restando nelle fasce più superficiali.
Partiamo da una corona e da un manicotto idraulico di giunzione. 

Il manicotto all'interno è cavo, significa che abbiamo aria dentro.
Incomincio ad assicurare la corona al manicotto. 
Adesso, utilizzando del silicone vado a sigillare le due estremità del manicotto. 


Una è fatta, adesso l'altra. 
Benissimo, adesso abbiamo una totanara costituita da un manicotto che galleggerà, ovviamente, avendo aria all'interno

Adesso, con del filo di ferro passo all'interno del manicotto bucando il silicone e creandomi un'asola che servirà per potermi agganciare con un moschettone. 

È chiaro che blocchiamo la corona con il filo di ferro utilizzando una piccola tenaglia.
Finito! Abbiamo una totanara che, grazie all'aria al suo interno e nonostante il peso della corona, galleggerà, ma galleggia ed è leggera, quindi, adesso vado ad utilizzare del filo di piombo:
ha un piccolo spessore come il filo di ferro ma un peso ben più consistente, lo avvolgeremo intorno al manicotto.
La totanara è pronta, la possiamo agganciare alla lenza madre tramite un moschettone con girella. 
Avendo utilizzato il filo di piombo, abbiamo ottenuto un certo peso, la totanara é più pesante la potremo lanciare più lontano ma in acqua grazie all'aria che c'è all'interno del manicotto scenderà più lentamente restando in pesca negli strati che ci interessano. È chiaro che a seconda della situazione di mare che abbiamo possiamo rendere la discesa della totanara più o meno veloce regolando la quantità di spire di filo di piombo che andremo a fare, sempre comunque riuscendo a lanciare, ottenendo una certa distanza. 
(La foto si riferisce a una pesca precedente all'epidemia di Covid-19) 

ALTRI POST di Enrico il Pescatore:

(Risparmiare e prepararci alla prossima pesca restando a casa) 


https://www.senzafine.info/2019/12/da-enrico-il-pescatore-ricetta-per.html  
(Ricetta per moltiplicare le bughe)

Commenti

Post popolari in questo blog

AQUAGYM per gli ADDOMINALI

IO E TE di Luca Vincenzo Simbari

Alessandro Quasimodo legge la poesia A VENEZIA di Luca Vincenzo Simbari