OCCHIEGGIANO di Marina Zilio

Occhieggiano

Occhieggiano,

fra Nubi
Alterne

di Speranze
e di Timori,

Flebili
Raggi
di Sole.

Occhieggiano,

Tremuli,

alle Fredde
Brezze
di Monte

i Freschi
Germogli

qual
Gemme
di Suppliche

su Rami
Spogli

Rivolti
al
Cielo.

Occhieggiano

sull' Erto
Colle,

fra Scheletri
d' Alberi
che Invocano
Resurrezione,

le Chiome
Intirizzite

dei Ciliegi
Selvatici

a Presagio
di Cordoglio

 e Amore
Incondizionato.

Occhieggiano

Gagliardi,

fra le Rigogliose
Erbe
Prative,

i Fiori
del Tarassaco

a guisa
 di Nuovi
Astri

per Rinnovati
Orizzonti.

Occhieggiano,


fra le Perenni
Fronde
dei Pini,

infreddoliti
Uccelletti

tra Brevi
Voli
e Sommessi
Pigolii

in Attesa
di Clemenza
e Carità.

A Tratti,

Improvvisi,

 i Bagliori
Squarciano

Le Nubi
Scure,

Rassicurano
gli Animi
Trepidi

e Preannunciano
il Sepolcro
Scoperchiato

dopo
la Struggente
Passione.

PRIMAVERA TORNERÀ!


vedi anche:
https://www.senzafine.info/2020/04/e-lucean-di-marina-zilio.html

Commenti

Post popolari in questo blog

LA PUTTANA di Zahoor Ahmad Zargar

L'INCUBO di Samina Zargar

UNA STUDENTESSA DI MEDICINA DEL KASHMIR DIPINGE SU FOGLIE PER SCONFIGGERE LO STRESS DA COVID-19 da GlobalVoices