E Splendean

Splendean
le Gemme
Aprentesi

ai Cocenti
Raggi
di Sole.

Splendean
le chiome
dei Ciliegi
Selvatici

Soffuse
di Rilucenti,
Candide
Corolle.

Splendean
le Erbe
dei Prati
Punteggiate
di Fiori

Protesi
a Cogliere
i Raggi
Salvifici.

Splendean
le Corolle
dei Tulipani,

Calici
di Ambrosia
per Anime
Sofferte.

Splendean
i Cieli

Inondati
di Bellezza.

Splendean
le Nevi
Montane

nel Caloroso
Abbraccio.

Splendean
le Fluenti
e Ampie
Acque

nel Perenne
Scorrere
della Vita.

Splendean
i miei
Occhi
Inebriati.

PRIMAVERA TORNERÀ!


vedi anche:
https://www.senzafine.info/2020/04/ode-al-silenzio-tace-la-tempesta.html

Commenti

Post popolari in questo blog

IL NUOVO NUMERO DELLA RIVISTA IL FOGLIO LETTERARIO EDIZIONI

IO E TE di Luca Vincenzo Simbari

Intervista allo scrittore Giovanni Margarone di Francesca Ghezzani