SLOW PITCH JGGING da ENRICO il Pescatore

26 dicembre 2019

Oggi pomeriggio, volevo tentare di pescare una grossa ricciola, un tonnetto alletterato e quant'altro, ma, comunque, prede grosse. Ho utilizzato due artificiali dello stesso tipo e peso ma di due colori differenti.

Sono rimasto incredulo quando sul colore argentato con strisce bianche ho avuto la prima abboccata... 
Un sugarello quasi più piccolo dell'artificiale che ovviamente ho prontamente rilasciato.


Il sole era ancora alto, voglio riprovare con lo stesso sistema, ovvero jercata lunga un giro di mulinello, un'altra jercata sempre solo con un giro di mulinello e così via. 
Arriva la sorpresa!
Un altro sugarello poco più grande del primo (le immagini sono pessime o sfuocate perché faccio solo una foto veloce e libero il pesce ovviamente sempre con le mani bagnate). 

Decido quindi di cambiare esca, io vorrei prendere un bel pesce! 

Stavolta uso l'altro blu... sempre stessa tecnica...
Risultato: un altro piccolo sugarello, sempre rilasciato.
Faccio ancora due lanci: altri due sugarelli...

Adesso, però, il sole è in calata, ritorno al primo artificiale mezzo argentato, in quanto penso che con gli ultimi raggi di sole riesco a essere più visibile grazie ai riflessi sull'argento... 
E cosa prendo?
Ancora lui!

Non so più che fare, è quasi buio, vorrei prendere una bella ricciola, ma anche un grosso dentice andrebbe bene. Ritorno all'artificiale Blue misto ed ecco cosa prendo!
Un altro! 

Ormai, è quasi buio, lo rilascio, del resto, come vedete, si è slamato da solo...


Niente ricciolone, oggi, ma mi sono divertito lo stesso. 
Mi viene in mente una frase, non so chi l'ha detta, "In un bel gioco, nessuno deve morire", però la condivido. Comunque, mi sono divertito.

Vedi anche:
Ricetta per moltiplicare le bughe:
https://www.senzafine.info/2019/12/da-enrico-il-pescatore-ricetta-per.html

Commenti

Post popolari in questo blog

MANCHERÀ di Marina Zilio