MIGRANTI di Angela Fabbri

MIGRANTI

Ma si dividono solo in 2 categorie
                                   RIFUGIATI in fuga dalle GUERRE
                                   e
                                   MIGRANTI  ECONOMICI ?
così come hanno scelto i GRANDI Paesi Europei per poter fare su di loro un proprio sovrano (o sovranista) distinguo?

Cominciano invece a saltar fuori anche i MIGRANTI  CLIMATICI, poco poco per ora, poco a poco, ma con note fotografiche decise nei Telegiornali.
Forse adesso che i giovanissimi sono emersi di testa dalla bambagia fluttuante del mondo cosiddetto occidentale e hanno imparato a radunarsi e a stare insieme, ecco che viene sollevato un nuovo ‘VELO’.
Sotto ci stanno, inaspettatamente, tantissime persone, domate non + solo dalla fame ma vinte dalla sete: i MIGRANTI da SICCITA’.

Se guardiamo all’indietro di davvero molti e molti milioni di anni, è facile fare un paragone tra l’oggi e l’allora, quando l’essere umano era ben lontano dal venire in mente alla natura.
Quando furono gli altri animali allora presenti su tutte le facce di questa Terra a spostarsi in ENORMI  MIGRAZIONI, dovute proprio alla SICCITA’ che era sopravvenuta.
E, dopo interminabili peregrinazioni, finalmente approdarono a nuovi lidi, affollandoli e RIPOPOLANDOLI.
In queste migrazioni antichissime non dimentichiamo i vegetali, che usarono per i loro semi il vento e le correnti. O si trasferirono trasportati addosso agli animali stessi.

(Angela Fabbri, Ferrara notte fra 23 e 24 settembre 2019)

Commenti

Post popolari in questo blog

LETTERA APERTA AI DIRIGENTI DI AMATORI NUOTO SAVONA di Renata Rusca Zargar

Recensione di UN'ALTRA STRADA, Matteo Renzi, Marsilio editori, a cura di Renata Rusca Zargar

INIZIO CORSO PRESSO LA BIBLIOTECA DI QUILIANO (SV) di Renata Rusca Zargar