NEWSLETTER BIBLIOTECA LIBROMONDO - SAVONA, III parte


SEZIONE PACE

MALEDIRE GLI INGLESI? ...
UNA COSA DA PAZZI! 
Crescere durante l’ultima guerra
Circolo Brandale, Savona, a cura di Luigi Capra, 2013, pagg. 116

Non è stato facile per molti bambini crescere durante la seconda guerra mondiale (1940/1945).Lo scopo di questo libro è di trasmettere la memoria tra diverse generazioni, proporre modelli formativi e superare i conflitti in modo pacifico. È basato su varie testimonianze di persone che hanno conosciuto bene la guerra al fine che le nuove generazioni, comprendano la crudeltà di quanto è accaduto e facciano il possibile perché quei tempi non tornino. C’è un avvenimento in particolare che mi ha colpita, il fatto di consegnare ad ogni bambino una spilla con scritto 'Dio stramaledica gli inglesi', una bambina invitata come tanti altri a commentare i fatti accaduti disse: “È ingiusto usufruire dell'ingenuità dei bambini” e io sono pienamente d'accordo con il suo giudizio. Questo testo lo consiglio a qualunque tipo di lettore ma in particolare alle nuove generazioni, dato che il futuro del nostro mondo appartiene a voi e questo testo invita proprio a riflettere tanto su quanto accaduto e sul fatto che bisogna fare il possibile perché ciò non accada mai più. Il libro è inoltre molto interessante, poiché racchiude varie testimonianze sulla guerra e collega due generazioni: i racconti dei “bambini di ieri” e i commenti dei coetanei odierni.

Francesca  Baglietto – Liceo Scientifico “Grassi” - Savona


È un testo con tanti ricordi di guerra e testimonianze nelle scuole, come a Sassello, ad esempio. Molto ricco di foto.

Carla Saettone




ERAVAMO  EBREI
Questa era la nostra unica colpa
Alberto Mieli con Ester Mieli, Marsilio, 2016, pagg. 120, euro 13,17, ebook 9,90


In questo libro ALBERTO MIELI, uno degli ultimi sopravvissuti ai lager nazisti, racconta alla nipote Ester Mieli la terribile esperienza da deportato nell’infernale campo di concentramento di Auschwitz. Mieli rivive nel suo racconto alla nipote, con le lacrime agli occhi, l’arrivo nei campi di sterminio, l’odore acre dei corpi che bruciavano nei forni crematori in funzione tutti i giorni. L’obbligo a lavori giornalieri e stremanti, delle torture subite, della fame che portava alla follia e alla morte migliaia di deportati. Fame di cibo e di libertà. Si chiede e ancora oggi non sa spiegarselo come abbia fatto a tornare a casa. Quando incontrò Papa Wojtyla che gli chiese come riuscì a sopravvivere a quella tragedia Gli rispose: “Solo il Signore ha la risposta”. Toccante e commovente testimonianza  che fa sentire tutto il dolore provato dal protagonista nei campi di sterminio e come ancora oggi, dopo tanti anni, quel dolore sia ancora così vivo nel suo cuore. Questo genere di letture dovrebbe essere obbligatorio nelle scuole. I ragazzi, e purtroppo non soltanto loro, devono leggere certe cose per riflettere e non dimenticare mai le pene subite da quelle persone per la sola colpa di essere ebrei.
                                                                                              
Maria Pera




LA  FAMIGLIA  F.
Anna Foa, Laterza, 2018, pagg. 174, euro 13,00


L’autrice di questo libro è Anna Foa. La Foa ha insegnato storia moderna all’Università “ LA SAPIENZA “ di Roma. Si è occupata di storia della cultura nella prima età moderna e di storia degli ebrei. Figlia di Vittorio Foa, futuro Padre Fondatore della Repubblica, maestro nel campo del lavoro, dei diritti sociali e fervente antifascista. La famiglia Foa è una straordinaria famiglia di ebrei di origine francese arrivata in Piemonte dalla Sardegna moltissimi anni fa. La sua è anche la storia della sinistra italiana, dai nonni al padre Vittorio, alla madre Lisa fino ai figli Anna, Renzo e Bettina. Una famiglia di passione politica e impegno civile. Questo testo è denso di storia, di memorie storiche e intime. Nei suoi capitoli si alternano  memorie d’infanzia dell’autrice, come le estati trascorse a Diano Marina, aneddoti  politici, ricordi di famiglia, l’educazione, le radici, le figure che hanno influenzato la formazione politica delle generazioni più vicine a noi. Il nonno Foa, fervente giolittiano, ha determinato l’europeismo della famiglia Foa. LA FAMIGLIA F., un libro sulla sinistra, sulla famiglia e sull’ebraismo del padre Vittorio e della stessa Anna. Molte sono le domande e le considerazioni suscitate leggendo questo libro elegante, discreto e riflessivo. Una riflessione sembra molto utile e gli stimoli che si trovano in queste pagine andrebbero fatti conoscere ai giovani nelle scuole. Personaggi come Vittorio Foa possono essere veramente di esempio per questi tempi. 

                                                                                                     Maria Pera

Commenti

Post popolari in questo blog

LETTERA APERTA AI DIRIGENTI DI AMATORI NUOTO SAVONA di Renata Rusca Zargar

Recensione di UN'ALTRA STRADA, Matteo Renzi, Marsilio editori, a cura di Renata Rusca Zargar

INIZIO CORSO PRESSO LA BIBLIOTECA DI QUILIANO (SV) di Renata Rusca Zargar