sabato 9 dicembre 2017

SOTTO NUVOLE ATOMICHE LA KOREA IN CERCA DI PACE giovedì 14 dicembre ore 20,45 Biblioteca Quiliano (SV)


Lo scorso Settembre, HWPL, un’Associazione Koreana non governativa, senza scopo di lucro, che si adopera per la pace nel mondo, ha organizzato un summit internazionale con 1200 invitati da paesi stranieri. Tra gli ospiti c’era anche Zahoor Ahmad Zargar, in qualità di rappresentante della Comunità islamica italiana. Auto con le bandierine,  camerieri che si inchinavano a metà busto,  porte girevoli, un hotel-grattacielo sterminato perso tra grattacieli altissimi… Forse, la gente che frequenta questi luoghi non è la gente che noi siamo abituati a frequentare. Ma quella volta era diverso: in coda ad attendere il check-in o gli ascensori c’erano  personaggi particolari: lama tibetani, donne arabe, signore africane... Arrivano da tanti diversi luoghi del mondo per questo incontro  annuale sulla pace. Vogliono bandire la guerra dall'umanità. Per noi italiani é un po' difficile comprendere il concetto di pace perché siamo forti venditori di armi, cioè, mercanti di morte, con i nostri quindici miliardi all’anno di esportazione cui non è facile rinunciare. Ma c'è tanta gente nel mondo che ci crede davvero, che sogna la pace, che si batte perché i popoli capiscano che, con la guerra, sono solo loro a soffrire mentre pochi guadagnano.
I coreani, poi, questa volta sono davvero spaventati. Tutti questi esperimenti atomici potrebbero condurre a una guerra ancora più distruttiva di quelle che hanno già vissuto.
Zahoor Ahmad Zargar e Renata Rusca Zargar parleranno, giovedì 14 dicembre ore 20,40, presso la Biblioteca Civica di Quiliano,  di quello che hanno visto in Korea, della paura e della speranza. Mostreranno, infine, filmatini e foto esclusivi della più grande parata internazionale per la Pace che si possa immaginare.

L’ingresso è libero.

3 commenti:

  1. Fate conto che sia lì con voi.
    Angela Fabbri

    RispondiElimina
  2. Grazie! Sarebbe bello che tu ci fossi, ma pazienza!

    RispondiElimina
  3. Sono stata lì col pensiero. La persona non conta.
    Angela "

    RispondiElimina