SIMONA BELLONE ricorda il Poeta Contadino MARIO SAREDI


Il poeta contadino Mario Saredi di Camporosso, (27/09/1929-12/12/2019)  ha suggellato la vita quotidiana dei nostri anziani saggi contadini liguri. 
I semplici versi veritieri e fantasiosi recitati in dialetto di Camporosso, che ci fanno amare sacrificio e frutti della terra, sono indelebili baluardi delle nostre sane origini. 

La poesia "Chela taragnà", (Quella ragnatela), con cui vinse il 1° premio di poesia dialettale in "Poetando alle pendici del Monte Camulera" a Riofreddo di Murialdo il 6 luglio 2003, è quasi un presagio del viaggio che ora per destino sta percorrendo verso l'aldilà, ricongiungendosi con la sua amata moglie, ma nella sua essenza spirituale rimarrà sempre il pensiero ai suoi cari e alla sua amata terra ligure. Buon viaggio Mario. 
Simona Bellone pres. caARTEiv - Millesimo (Savona).

Mario Saredi scrisse oltre 1000 poesie in vernacolo ligure, ed altrettante in italiano, oltre 800 brani, ricette e modi di dire, qualche racconto e persino alcune canzoni. Fu sostenitore del Premio di poesia dialettale intemelia "U Giacuré", con il riconoscimento "Premio di civiltà contadina "Maddalena de funtane'". Tra i libri pubblicati: “U Mautûrà” (vecchia misura per la raccolta delle olive), "L'incumènsu". Partecipò ai concorsi letterari sin dagli anni '50 in tutta la Liguria, e più di 40 volte raggiunse il podio, con una quindicina di primi premi. 

Chela taragnà

Me ne vàgu sènsa bigliétu
e cun u trèn ch’u partirá,
forsci, demàn.
Averòn e scarpe de prìa
pè andà ciû adàixu
e u segelìn sgarbàu pe’ nu pesà.
Sènsa beve, se pô sussà
l’amé de sciùre, 
mangèndu i regòrdi
apési a chela taragnà stesa
intu caminetu d’a matin.
Se e scàrpe i se desbrenegheràn
e u segelìn u se incerà, forsci,
returneròn pe’ sarsì chela taragnà
ch’a me vuràva tègne
insème ai regordi d’a mia vita.

Mario Saredi - Camporosso (Imperia)
1º premio poesia dialettale - 6 luglio 2003
"Poetando alle Pendici del Monte Camulera"
Cappella di San Rocco
Riofreddo di Murialdo (SV)
Piastrella “Murale dei poeti”

Traduzione in italiano:

Quella ragnatela

Me ne vado senza biglietto e con il treno
che partirà, forse, domani.
Avrò le scarpe di pietra per andare più piano,
e il secchio bucato, per non pensare.
Senza bere, si può succhiare il miele dei fiori,
mangiando i ricordi appesi a quella ragnatela
tesa nel caminetto del mattino.
Se le scarpe si bucheranno
e il secchio si riempirà,
forse, ritornerò per rammendare quella ragnatela
che mi voleva tenere insieme ai ricordi della mia vita.

Mario Saredi Camporosso (Imperia)

Video poesie di Mario Saredi 

Commenti

Post popolari in questo blog

RAGGI DI SOLE di Marina Zilio

#IoRestoACasa da SIMONA BELLONE

Roberto Burioni "La grande sfida" recensione di Renata Rusca Zargar