venerdì 8 giugno 2018

CARLO COTTARELLI di Una vecchia signora


Come mi piace questo Carlo Cottarelli! Se gli dicono che lo Stato Italiano ha bisogno di lui, è già pronto: Prende il suo sacco a pelo e la borsa porta-documenti e arriva. Secondo me si poggia sul primo pc disponibile che trova. Usa Internet per quel che non ricorda o per gli ultimi aggiornamenti spiccioli. E butta giù. Con vigore e costanza e con la precisione che si è così perduta negli anni. Forse è per questo che lo fanno sempre incominciare e mai finire: troppo preciso, troppo accurato, non lascia spazio per i trullatori, i truffatori, gli imboscati, i ‘vivi e lascia vivere che così mi faccio la casa (e magari la barca)’….

Lo vedo bene in tutte le grandi difficoltà: potrebbe essere anche un ottimo Responsabile della Protezione Civile, sarebbe utile all’Agricoltura e Foreste e un adeguato Direttore dei Servizi di Sicurezza.

Perché un uomo cui basta solo il suo sacco-a-pelo (qualche volta deve pur dormire) e si poggia in qualunque ufficio e su qualunque pc gli venga offerto, non ha nulla da nascondere. Ce n’è pochi così.

Sono certa che andrebbe in missione anche in Antartide, se glielo chiedesse lo Stato Italiano, e che l’unica variante al suo equipaggiamento sarebbe dotarsi di un taccuino di quelli con la carta che resiste anche molto sotto lo zero  (e penna della stessa tempra).

Mi firmo   Una vecchia signora  (origine: Italia)

Nessun commento:

Posta un commento