venerdì 21 settembre 2018

ARTURO IL MURATORE di Angela Fabbri


Un aneddoto di  ARTURO  il  MURATORE


Dopo le vicissitudini di maggio che mi hanno regalato una bella contusione al polso destro, finalmente senza gesso e senza tutore, oggi ho fatto le fragole con zucchero di canna e limone 
e cucinato pomodori e melanzane con quel pesto che Lana mi ha appunto aiutato a pestare ieri. 
Mi è rimasto il melone: potevo pulirlo ma non tagliarlo e a questo ha dovuto pensare Arturo 
dopo avermi portato a far la spesa.
Ha trovato un altro lavoro ma con gente che se ne frega proprio dell'incolumità dei lavoratori. Quando gli ho chiesto se era contento di lavorare di nuovo mi ha detto spontaneamente "No"  e mi ha raccontato la sua giornata di oggi, davvero senza rete a 15 metri di altezza disteso su un tetto di lamiera bollente con il braccio destro che reggeva un trapano di vari chili con cui doveva aprire dei buchi nel sottotetto.   
Gli ho detto che sembrava uno di quei miei sogni al limite dell'umano quando mi trovo sospesa sul 
vuoto o arrampicata su scale impossibili e rotte e devo salvarmi. 
Era già il dopo cena ma parlavamo ancora, nonostante la partita Italia-Brasile stesse per cominciare. E si è messo a scherzare sulla sua situazione, scherza volentieri con me e io con lui, riusciamo a
prendere in giro i nostri guai e mi ha raccontato un aneddoto sulla sua situazione (e posizione) della mattina.
Dunque Arturo era là, lungo disteso su un tetto di lamiera rovente e aveva il braccio destro penzoloni per fare i famosi buchi nell'angolo del sottotetto e aveva sporto la faccia per eseguirli. 
Quando ti vede una macchina che parcheggia proprio sotto. 
Mi racconta tutte le manovre che fa per posizionarsi e lui guarda, mi immagino con quel suo 
sguardo divertito disincantato e anche di accettazione del destino che gli tocca mentre è là con
quel braccio a penzoloni che regge un trapano chilopesante. 
Dalla macchina esce una signora e lui, dall'alto, sbucando col viso dal tetto di lamiera, le dice 
gentilmente " Signora, forse è meglio che sposti la macchina ". 
La signora alza gli occhi e si giustifica  ' Ma è solo per 5 minuti! '. 
E lui, serafico come lo Stregatto, risponde "Signora, faccia come vuole, ma vede..." e le mostra 
il grosso trapano che brandisce sospeso nel vuoto. 
A questo punto la signora raccoglie la sua auto attorno a sè e sparisce a gran velocità.
Tutto questo, Arturo me lo dice per giustificare che, a 38 anni, ha la spalla destra che gli fa un po' male.
L’immagine di lui che sporge dal tetto con la testa, la spalla e il braccio che pencola fuori brandendo quel trapano chilopesante e trova la forza di parlare, con quella sua dolce voce straniera,
alla signora in-parking, per il bene di lei, mi ha seguito tutta la notte e il primo mattino. E Arturo mi
appariva in tutta la serena grandezza e l’emozione carismatica di un Super-Eroe.

Angela Fabbri (Ferrara, giugno 2013)

(Dov'è la sicurezza sul lavoro?)
La parte finale del tuo aneddoto, puntualizza come lui, muratore in evidente condizione di non-protezione, si è comunque preoccupato di non danneggiare la signora e la sua auto. Come dire che gli stranieri, tanto vituperati in Italia, non sono diversi da noi italiani, anzi, molti di loro sono decisamente migliori!
E a tale scopo, ecco cosa aggiungo: 
«Generalmente sono di piccola statura e di pelle scura. Molti puzzano perché tengono lo stesso vestito per settimane. Si costruiscono baracche nelle periferie. Quando riescono ad avvicinarsi al centro affittano a caro prezzo appartamenti fatiscenti. Si presentano in 2 e cercano una stanza con uso cucina. Dopo pochi giorni diventano 4, 6, 10. Parlano lingue incomprensibili, forse dialetti. Molti bambini vengono utilizzati per chiedere l'elemosina; spesso davanti alle chiese donne e uomini anziani invocano pietà, con toni lamentosi e petulanti. Fanno molti figli che faticano a mantenere e sono assai uniti tra di loro. Dicono che siano dediti al furto e, se ostacolati, violenti. Le nostre donne li evitano sia perché poco attraenti e selvatici, sia perché è voce diffusa di stupri consumati quando le donne tornano dal lavoro. I governanti hanno aperto troppo gli ingressi alle frontiere ma, soprattutto, non hanno saputo selezionare tra coloro che entrano nel paese per lavorare e quelli che pensano di vivere di espedienti o, addirittura, di attività criminali». 
Fonte: Relazione dell'Ispettorato per l'immigrazione del Congresso degli Stati Uniti sugli immigrati italiani, ottobre 1919 
Danila Oppio

N.d.A.

Ho riportato qui la versione completa che uscì sul blog Versi in Volo perché, senza la chiusa storica apposta dalla Web Master Danila Oppio, questo mio raccontino avrebbe avuto poco da dire.

(23/06/2013) VERSI IN VOLO (Legnano), blog di scrittura, disegno, pittura, fotografia

2 commenti:

  1. Grazie per aver citato il mio scritto. In ogni caso, il tuo racconto del muratore gentile è molto interessante.
    Danila

    RispondiElimina
  2. Dani, il pezzo è direttamente tratto dal menabò originale di ARTICOLI X tutte le MISURE che partecipò al Concorso AUTORI x l'EUROPA, vinse il Premio Speciale della Giuria e che ho, di conseguenza, voluto pubblicare.
    Visto che parla di cose di oggi, non solo di 5 anni fa, ho chiesto di riproporlo.
    Angela

    RispondiElimina