domenica 21 maggio 2017

QUALCOSA DI GEOGRAFIA di Angela Fabbri, Ferrara




Stanotte in TV, durante l’intermezzo comico della Littizzetto, ho sentito che la Geografia è sparita dalle scuole italiane.

Se ne fa proprio poca poca poca.

In un mondo che vuol chiamarsi GLOBALE.

E mi affaccio sul ricordo.

Quando, nel 1961, mio fratello Daniele (che frequentava il 1° anno del Liceo Scientifico) doveva improvvisamente fare una ricerca su 2 Paesi africani, nell’ambito del programma di Geografia previsto: PAESI  EXTRAEUROPEI.

E qui cominciò la famosa ricerca del TOGO e del DAHOMEY.

Mamma, Papà, Daniele e io fummo promossi Esploratori, almeno sulla carta.

Togo e Dahomey, non ne avevamo mai sentito parlare.

Unica traccia: Paesi Africani.

Mia madre, maestra elementare e da sempre appassionata di Geografia, fu colpita nel vivo.

 << Sono rimasta indietro! E non me ne sono accorta. 
Bruno! (è il nome di suo marito, cioè mio padre) Dobbiamo assolutamente 
aggiornarci e comprare un Atlante nuovo! Sui miei non c’è traccia di quei 2
Paesi! >>

Il Papà Bruno, divenuto ragioniere lavorando di giorno e studiando alle Scuole Serali,
che parlava perfettamente sia il dialetto ferrarese che l’italiano, ma che veniva periodicamente preso in giro dalla mamma per aver letto un solo libro “L’età preziosa” (libro di cui peraltro si disfò appena possibile regalandolo al figlio grande Daniele quando questi raggiunse l’età di 14 anni), insomma il Papà Bruno aprì la scarsella e sborsò per l’acquisto di un Nuovissimo Atlante (si capiva dal titolo che era davvero recente: Nuovissimo invece che ‘Novissimo’ come gli altri che giravano per casa) che venne scelto in formato portatile, ma spesso come un Vocabolario.

Io, che avevo 10 anni, guardavo da papà a mamma e poi al fratello Daniele, coinvolta come quarto in quell’affascinante partita di ping pong che aveva come premio la scoperta del TOGO e del DAHOMEY.

E in 4 presenziammo all’apertura del LIBRO.

La mamma sfogliò, sfogliò finché aprì la finestra sull’AFRICA. Un’Africa che davvero non avevamo mai visto. Tutta spezzettata in cento colori. Gli stati grossi non c’erano più, mentre c’erano tanti e tanti nuovi nati.

In quel frangente, 2 degli Esploratori furono lasciati a casa:

Io, che dell’Africa ricordavo solo l’Egitto e il grosso Congo Belga.

E mio padre, che andò a leggere i suoi Giornali di Economia e Finanza.

In cucina rimasero mia madre e mio fratello Daniele, occhi sgranati e maniche rimboccate, a stendere sul tavolo di marmo (al posto della sfoglia) le basi di quella ricerca su Paesi di cui, a Ferrara, nel 1961, non avevamo nemmeno sospettato l’esistenza.

E mia madre esclamò << Al lavoro! Adesso non sono più SPAESATA! >>.

Era piena di voglia d’imparare. E la mia l’ho avuta da lei.

NdA

Ai giorni nostri:

Il TOGO è ancora il TOGO.

Il DAHOMEY è diventato il BENIN.

Lo so. Ho fatto una ricerca.


(Angela Fabbri, Ferrara, notte fra 14 e 15 maggio 2017)


2 commenti:

  1. Anche a me piacerebbe trasmettere a mio figlio la voglia di imparare che ho sempre avuto io. Davvero nelle scuole sta sparendo la geografia ? Io spero che i ministri della pubblica istruzione futuri non facciano mai l' errore di farla sparire del tutto . Ciao, Chiara .

    RispondiElimina
  2. Ci riuscirai, Chiara. Grazie

    RispondiElimina