IL NUOVO NUMERO DELLA RIVISTA IL FOGLIO LETTERARIO EDIZIONI


IL FOGLIO LETTERARIO

La rivista de IL FOGLIO LETTERARIO EDIZIONI dal 1999
www.ilfoglioletterario.it

Numero 17 - Settembre 2020

Il Foglio Letterario

 ANNO 21 – Numero 17 (NUOVA SERIE) Settembre 2020

VENT’ ANNI (+1!!!) DI EDITORIA INDIPENDENTE

IL Foglio Letterario dal 1999 – Editore in Piombino dal 2003

LA RIVISTA è al link   http://www.ilfoglioletterario.it/2020/09/

INDICE

EDITORIALE Vincenzo Trama:Gordiano Lupi LETTERATURA E CULTURA: DAVVERO NE HAI PAURA? Giorgio Caproni, poeta di Livorno e Genova Gordiano Lupi La scuola, trincea di libertà  

Patrizia Raveggi Pianeta Est: Mille scuole per il millennio

 Luca Palmarini Ma che velocità!

Vincenzo Trama Parziali ritratti d’autore: Gianfranco Franchi

Antonio Messina SULL’EDITORIA E ALTRE COSE (IN)UTILI Brandelli di uno scrittore precario: Lo stato dell’editoria. La tradizione che (r)esiste, Amazon e tutto il resto  

Mirko Tondi Storiacce editoriali: Se sia meglio pubblicare che saper scrivere

Sergio Calzone Il lavoro editoriale: intervista a Le Commari Edizioni

Vincenzo Trama CINEMA E DINTORNI Visti da Gordiano Lupi: La liceale di Michele Massimo Tarantini Retrospettiva: Le insegnanti della commedia sexy italiana FUMETTI: PERCHÉ NON DI SOLO PROUST VIVE L’ UOMO! Tavole incendiarie: Giorgio Borroni, , Riccardo Iacono, Massimiliano Bertolotti, Davide Peddis, Valentina Coda, Silvia Bartoli, Davide Toscano, Matteo Acerbi, Francesco Starace Verde, Daniele Ariuolo, Samanta Panichi, Ale Maca, Valerio Stacchini, Toni Vieconti, Obluoquor Manga e altro: Manga fever - Slam Dunk  Giulia Campinoti RECENSIONI LIBRI VECCHI E NUOVI  Gordiano Lupi: Il cinema horror 1970-1990, Federico Tadolini, Sensoinverso Edizioni Gordiano Lupi: L’alba dello scudetto, Simone Manservisi, Ultrasport Gordiano Lupi: Nives, Sacha Naspini, E/O Vincenzo Trama: Soggetti del verbo perdere, Stefano Amato, VerbaVolant Edizioni Vincenzo Trama: Qualcuno è uscito vivo dagli anni ‘80 - Storie di provincia e altri mali - Stilo Editrice Vincenzo Trama: Incontri, Leila Baiardo, Le Commari Edizioni BENDING

DEMOCRAZIA MUSICALE Alessio Santacroce: Coclea POESIA E (DI)VERSI LIRICI Valentina Peluso presenta Tsering Woeser

RACCONTI E SCRITTURE Selezione a cura di Redazione: La favella – Gioia Conforti (D)istruzione – Marco Del Colombo Il guru – Cristian Palmas Intervista esclusiva al ministro della pubblica (d)istruzione – Frank Iodice La sanguinosa tragedia – Patrice Avella

 

da UN NUMERO DELLA RIVISTA 

MIRKO TONDI – BRANDELLI DI UNO SCRITTORE PRECARIO – 6 – COMINCIARE UNA STORIA

Redazione Il Foglio Letterario / 28 giugno 2018 / 2 Comments / Brandelli di uno scrittore precario

Di tutti gli argomenti che ruotano attorno alla scrittura, l’incipit è forse uno dei più discussi. Come cominciare una storia con la massima efficacia? Come attrarre il lettore e fare in modo che si accomodi e continui a sfogliare le pagine? Giusto ricorrere alla tecnica (usando insomma qualche tipico espediente da scrittore) o farsi guidare dall’ispirazione del momento? Se diventa difficile rispondere a queste e ad altre domande sul tema al fine di dare suggerimenti per scrivere l’inizio perfetto (ammesso che ne esista uno), la cosa più semplice è prendere come esempio alcuni grandi incipit e analizzare caso per caso, imparando da chi prima di noi è riuscito a lasciare un segno fin dalle prime righe. Una piccola premessa, però: paragonare l’incipit al biglietto da visita dell’autore non è sbagliato, ma non sempre è vero; per libri diversi, infatti, quello stesso autore potrebbe decidere di utilizzare biglietti da visita diversi. Anche se la maggior parte degli scrittori rimane ancorato a uno stile preciso (spesso per esigenze commerciali), ce ne sono alcuni che amano sperimentare, giocando magari sulla scelta delle parole, sulla sintassi, sulla punteggiatura, sull’utilizzo del dialogo e su altri punti. C’è invece chi considera l’incipit come un’esca per il lettore, anche se questa definizione potrebbe rimandare a qualcosa di ingannevole. La definizione che preferisco è quella di Roberto Cotroneo, che nel suo Manuale di scrittura creativa dice «Scrivere un libro vuole dire innanzitutto sedurre il mondo […] L’incipit non è altro che un principio di seduzione».

Le possibilità in ogni caso sono molteplici, vediamone alcune. Un tempo si tendeva a partire molto da lontano, facendo descrizioni dettagliate che permettessero al lettore di acclimatarsi prima di entrare nel vivo della storia (non c’è bisogno, a questo proposito, che vi citi l’inizio dei Promessi sposi, quella specie di campo lunghissimo che pian piano si avvicina ai personaggi): prendete un romanzo russo dell’Ottocento e ve ne renderete conto. Certo, scrittori come Tolstoj e Dostoevskij riuscivano a distinguersi tra i loro 

CONTINUA A LEGGERE

Commenti

Post popolari in questo blog

SI INSINUA NEL VIDEO CHE IO MI FACCIA RUBARE LA BORSETTA!!!!

CHE TE NE FAI DI UN'ALTRA FEMMINA? storie di donne per combattere la violenza

FINALMENTE SONO QUI di Renata Rusca Zargar