giovedì 18 gennaio 2018

CONVEGNO INTERNAZIONALE IN PORTOGALLO. DIFFONDERE LA PACE COME UN VIRUS di Renata Rusca Zargar


Diffondere la pace come un virus

Convegno internazionale in Portogallo

Zahoor Ahmad Zargar ha partecipato a un Convegno internazionale a Porto, in Portogallo, dal 14 al 17 gennaio,  sul tema: “Il terrorismo internazionale cosa possono fare le religioni per combatterlo?” in qualità di rappresentante dell’UCOII ( Unione delle Comunità Islamiche d’Italia). L' incontro é stato organizzato da HWPL (Heavenly Culture, World Peace, Restoration of Light), un' Associazione coreana non a scopo di lucro, in collaborazione con il Centro Krishna per l'autoconsapevolezza. Hwpl, che è affiliata all’ONU, ha fondato, infatti, alcuni anni fa l'Alleanza delle religioni per la pace perché sostiene che i leader religiosi possano trovare parole di pace ognuno nelle proprie scritture e diventare "messaggeri di pace" nelle loro comunità. Oltre a Zargar, relatori all'importante laboratorio di pace sono stati esponenti di varie religioni provenienti dall'Europa e dall'America. Per quanto riguarda i portoghesi, era presente il massimo esponente del Centro di Krishna ISKCON, Radha Govinda Dasa, e il rappresentante del Centro buddista Budfhist, Mr. Rui Almeida. Queste due persone avevano già partecipato al Summit  internazionale per la pace  in Korea a settembre.

Il loro messaggio é stato estremamente chiaro:  entrambi si sono convertiti, uno all'induismo e uno al buddismo. Nella religione prescelta hanno trovato ciò che intimamente cercavano. Soprattutto hanno superato l'odio e l'intolleranza, la smania di possesso e di denaro tanto comuni nel nostro tempo. L’incontro di Porto è stato, dunque, un grande insegnamento di accoglienza, amore per la diversità, serenità, per il pubblico presente ma anche per i relatori stessi.

Hwpl, però, non si ferma qui. I suoi volontari continuano a cercare, in tutti i paesi del mondo, persone tra i giovani, le donne, i politici, oltre che tra i leader religiosi, perché possano partecipare ai laboratori sulla pace. Essi diventeranno "messaggeri di pace" nella loro comunità. Chiunque lo desideri può entrare a far parte di questo percorso.

Se analizziamo oggettivamente la realtà, non possiamo nasconderci che questo è il più brutto dei mondi che siano mai esistiti. Di fronte al problema di una popolazione enorme (ottobre 2017, sette miliardi e mezzo), oltre alla piaga del terrorismo, falsamente religioso, c'è la concreta minaccia di una guerra atomica. Ma non basta: guerre ovunque, massacri, corruzione, ingiustizia sociale, sfruttamento, fame, schiavitù, leader politici che fomentano odio e disprezzo...

Non esistono ricette veloci per cambiare le cose.

HWPL cerca di diffondere il suo messaggio di pace come un virus: si tratta piano piano di cambiare mentalità e questo possono farlo solo le persone singole, nella loro famiglia, nella loro comunità sociale, nel loro gruppo grande o piccolo che sia.

Se ci crediamo, forse, non è tardi per salvare il pianeta e la sua gente.

Per informazioni: http://www.hwpl.kr/

http://www.controluce.it/notizie/diffondere-la-pace-come-un-virus-convegno-internazionale-in-portogallo/
http://www.liguria2000news.com/diffondere-la-pace-come-un-virus-convegno-internazionale-in-portogallo.html

Nessun commento:

Posta un commento