Contro la violenza sulle donne: MUTA di Rosanna Filomena

MUTA

Sull'orlo del precipizio
ho lasciato la tua pelle
squama dopo squama
Là dove s'aggrovigliano i venti
e i resti non si sotterrano
in profonde buche
Ma si disperdono
nelle terre senza solchi
a mischiarsi
sotto piogge nuove

(Rosanna Filomena  - Tutti i diritti riservati)

Commenti

  1. Le donne? Cosa sono le donne se non pula sull'aia aperta al vento?
    Gli uomini? Cosa sono gli uomini se non altra pula sull'aia aperta al vento?
    Ma qualche uomo e qualche donna, gli uni coi fatti le altre con le parole, non
    amando il destino che gli è loro dato, spazzano via la pula prima che arrivi il vento.

    Angela Fabbri

    RispondiElimina
  2. Spiegato con altre belle immagini. Complimenti.
    Rosanna Filomena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E complimenti anche a te. Raramente una poesia mi prende. La tua sì.
      Angela

      Elimina
    2. Grazie,Angela!
      Rosanna Filomena

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LETTERA APERTA AI DIRIGENTI DI AMATORI NUOTO SAVONA di Renata Rusca Zargar

Recensione di UN'ALTRA STRADA, Matteo Renzi, Marsilio editori, a cura di Renata Rusca Zargar

ANIME DIVERSE POSSONO DAVVERO CONVIVERE NEL PARTITO DEMOCRATICO? di Renata Rusca Zargar